IC MAZZINI

LE NOSTRE ATTIVITA’

 

“Il meraviglioso Mago di Oz”

La storia de “Il meraviglioso Mago di Oz” illustrata e raccontata dai bambini di scuola primaria delle classi 2^ A e 3^ B senza zaino.

Olimpiadi del problem solving: complimenti ai nostri ragazzi!

Sabato 13 Aprile, a Cesana, si sono tenute le “Olimpiadi del problem solving”, gare d’informatica per promuovere la diffusione del Pensiero Computazionale tramite attività coinvolgenti che si applicano alle diverse discipline scolastiche.

Grandissimo orgoglio e soddisfazione per i nostri ragazzi della scuola secondaria Alice Galassi, Margherita Mengucci, Gabriele Piersigilli (della classe 3^ B) e Thomas Biondini (della classe 3^ A) capitanati dalla Prof.ssa Fiorella Baldini, che si sono classificati al secondo posto, vincendo un bellissimo drone!

Non hanno conquistato il primo posto per un soffio, avendo inserito i dati con 1 minuto e 11 secondi di ritardo!

COMPLIMENTI RAGAZZI!!!

 

   

Inaugurazione busto Mazzini

Mercoledì 20 marzo è stata una mattinata molto importante per tutti i bambini e i docenti della scuola primaria del plesso Mazzini!

L’Associazione Carabinieri in congedo ha donato al plesso un busto di Giuseppe Mazzini in onore di questo importante personaggio a cui è dedicata la nostra scuola.

E’ stata una bellissima occasione per i nostri alunni di quinta, che hanno avuto l’opportunità di approfondire la biografia di Mazzini e di cantare l’inno di Mameli insieme ad una rappresentanza dell’associazione, la nostra dirigente Vincenza D’Angelo e il sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani.

Un ringraziamento davvero sentito ai carabinieri in congedo per questo dono così gradito!

 

 

IL NOSTRO GIOVEDI’ GRASSISSIMO A SCUOLA

Carnevale, si sa, è sinonimo di feste per i bambini, che si sentono attivi ed allegri, desiderosi di stare insieme, di scherzare, di mascherarsi e di divertirsi.

Nell’ Istituto Comprensivo Mazzini si è assecondata l’atmosfera gioiosa di questo periodo al fine di vivere la festa del Carnevale con la volontà di stare insieme e condividere una gustosa merenda. Le insegnanti del plesso Mazzini e Cerretano aderenti al Progetto “Dalla terra alla tavola” hanno organizzato un laboratorio di cucina per preparare dei golosissimi baci di dama.

Le insegnanti hanno precedentemente tostato le mandorle e sciolto il cioccolato fondente, i bambini si sono divisi in gruppi autonomamente ed hanno mescolato i due ingredienti con pazienza e … tanta acquolina in bocca! Appena il cioccolato si è raffreddato, i bambini hanno iniziato a formare i cioccolatini con l’aiuto di cucchiaini. La merenda è stata poi condivisa con tutti i compagni di classe e le maestre, per la soddisfazione di grandi e piccini!

“e il naufragar m’è dolce in questo mare…”

Il 16 Gennaio 2019, in una splendida ma fredda giornata di sole, noi leggendari esploratori della 3C, accompagnati dai valorosi proff. ci siamo diretti, assieme ai nostri compagni della 3A e della 3B, verso l’ambita cittadina di Recanati, “il natio borgo selvaggio”, che ha dato i natali a Giacomo Leopardi, o Giacomuccio come veniva chiamato in famiglia.

        La visita nel suo mondo è iniziata con l’ingresso a Casa Leopardi o “la sua piccola prigione” (come lui la definiva).

Una imponente scalinata marmorea ci ha condotti all’unico piano visitabile dove siamo rimasti di stucco alla vista della ricchissima  biblioteca paterna nella quale, si racconta, trascorse “sette anni di studio matto e disperatissimo”.

Ma li avrà poi letti tutti quei libri? Si vede che, all’epoca, non era stata ancora inventata la PS4 anche se lui, come ci ha riferito la guida, si divertiva a giocare con i suoi fratelli e con… Maurizio: un guerriero medievale assemblato da Monaldo (padre di Leopardi) per far giocare, appunto, i suoi figli.

Durante il percorso abbiamo potuto ammirare anche alcuni ritratti e l’albero genealogico della famiglia Leopardi.

Quello che però è stato suggestivo è l’atmosfera che si respira a Palazzo Leopardi dove, con un po’ di immaginazione, sembra di vedere ancora il giovane Giacomo seduto ad un piccolo tavolo tra le “sudate carte” e lo sguardo rivolto verso la piazzetta del Sabato del Villaggio dove la sua “Silvia” era intenta “all’opre femminili”.

Ore 12:00...Pausa pranzo e poi, con la mappa del tesoro in mano, abbiamo raggiunto il prof. Mario Elisei per una suggestiva visita tra i luoghi leopardiani in cui noi ragazzi siamo stati parte attiva recitando le poesie del poeta tra cui “L’Infinito” che ci ha regalato l’immagine di un paesaggio incantevole, ricreando l’atmosfera vissuta dall’autore in prima persona ed il “Passero Solitario” che abbiamo recitato sullo sfondo della “Torre antica” che Leopardi cita nei suoi celebri versi.

Quest’uscita didattica ha regalato a noi studenti e professori anche un lato inedito del poeta. Lo sapevate che era anche un burlone? Figuratevi che aveva scritto una lettera alla Marchesa Roberti che lui tanto disprezzava, firmandosi La Befana.

Con grande dispiacere, dopo una breve sosta rifocillante (merendine, gelati, patatine e partita a calcio balilla), le nostre mappe ci hanno riportato al punto da cui tutto era iniziato: la nostra fantastica avventura era giunta al termine. Tutti sul pullman per fare rientro a Castelfidardo, il NOSTRO “natio borgo selvaggio”.

 

                                       

 

“Mani in pasta”

 L’alimentazione ha un valore primario per la tutela della salute e del benessere psicofisico dell’uomo. Il cibo ha, inoltre, un valore culturale, è occasione di aggregazione familiare e sociale, di comunicazione pacifica ed empatica, ed è un elemento fondamentale per lo sviluppo e la promozione dei popoli. Tutto ciò si è riassunto in una magnifica giornata di febbraio in cui alcune insegnanti di sostegno della scuola Primaria Mazzini di Castelfidardo, aderenti al Progetto “Dalla terra alla tavola”, hanno organizzato una “pizzata” insieme agli alunni con bisogni educativi speciali. I bambini hanno raccolto dall’orto della scuola il rosmarino, l’origano e la cipolla che avevano piantato qualche mese prima, successivamente si sono recati presso la Fattoria Didattica Arcobaleno di Recanati dove, sotto le sapienti mani di Ettore Sbaffi, hanno conosciuto più da vicino il grano ed hanno impastato e cucinato con le loro mani una trentina di pizze rosse e bianche. Attraverso l’attività di coltivazione diretta di alcuni prodotti e la loro cottura, i bambini sono stati coinvolti nella manipolazione, nella preparazione e nell’assaggio degli alimenti, nel rispetto dei tempi della natura, delle regole per una buona lievitazione, delle consegne date loro, ma soprattutto nel rispetto delle diverse abilità specifiche di ognuno di loro. Una volta tornati a scuola, i bambini hanno raccontato l’esperienza educativo-didattica ed hanno offerto a tutti i loro compagni la pizza per una merenda condivisa, sana, nutriente, cucinata con ingredienti semplici, lontana dalle merendine confezionate a cui il mercato industriale ci vuole legati.

 
 

 

Laboratorio di ceramica alla scuola primaria Mazzini

Altra bellissima esperienza per i bambini della scuola primaria Mazzini! All’interno del progetto “Dalla terra alla tavola”, i bambini hanno utilizzato la tecnica  del “colombino” per realizzare vasi in cui inserire le piantine dell’orto. Hanno inoltre dato sfogo alla loro creatività realizzando oggetti di vario tipo (soli, piccoli contenitori, fiori stelline, numeri e lettere) attraverso l’uso di stampini , conchiglie e materiale vario. La manipolazione della creta, dà la possibilità di creare forme varie che esprimono le sensazioni che sono insite nel mondo interiore di chi le crea; un modo diverso di comunicare e soddisfare un’area importante della crescita formativa dei bambini: l’area del saper fare!

            

    

 

Concorso “Pace e volontariato”

 

In occasione della Giornata della Pace 2018  la classe 3^C della Scuola secondaria di I grado,ha partecipato al concorso indetto dal Consiglio Regionale delle Marche, che per quest’anno reca il titolo “Pace è volontariato”, ed è stata premiata con una menzione speciale. Il concorso per le scuole secondarie della regione consisteva nella realizzazione di un cartellone delle dimensioni di 70×100 che rappresentasse al meglio la tematica sopra indicata, valorizzando la collaborazione tra la scuola e un’associazione di volontariato. La classe 3^C ha realizzato un cartellone dove ha messo in evidenza la collaborazione con “La Selva” di Castelfidardo, con l’intento di far capire che “La Terra non è eredità ricevuta dai nostri padri, ma un prestito da restituire ai nostri figli”, come riportato in alto nel cartellone stesso, pertanto va preservata e protetta, perché molte volte l’inquinamento, il disboscamento e l’accaparrarsi delle risorse possono generare odio, avidità e costituire una grave minaccia per il mantenimento della pace mondiale. Ciascuno può fare ciò nel suo piccolo, come noi che, tenendo pulita la nostra Selva di Castelfidardo, preservandola e facendo conoscere il suo patrimonio culturale, facciamo del nostro meglio per mantenere e diffondere la pace, realizzando la nostra “piccola goccia nell’oceano”, come diceva Madre Teresa di Calcutta (uno dei più grandi costruttori di Pace del ‘900), senza la quale però l’oceano avrebbe una goccia in meno. La parola d’ordine per rendere possibile tutto ciò campeggia sulle maglie dei sette nani ed è solo una: “RESPECT”!

Scuola Senza Zaino: progetto Di.Di. con Indire e Avanguardie Educative!

 Anche l’INDIRE riconosce la validità del modello Senza Zaino!

Con orgoglio, lo scorso 9 febbraio a Pesaro,  la scuola primaria Mazzini ha partecipato al terzo seminario del progetto DI.DI. per le scuole senza zaino del centro Italia, presentando un’attività svolta in classe come esempio di buone pratiche didattiche.

“La metodologia della didattica differenziata , su cui è basato il modello senza zaino, prevede che gli studenti svolgano in classe attività diverse contemporaneamente, lavorando in autonomia o suddivisi in piccoli gruppi. L’assunto di base di questo approccio è quello di riconoscere le differenze e i talenti, promuovere le potenzialità e dare la possibilità ai discenti di seguire il proprio ritmo di apprendimento.Tutto questo è correlato a una nuova idea di aula e di spazio educativo: non esistono cattedre o file di banchi, ma aree diversificate che lasciano posto ad arredi più flessibili, come ad esempio i banchi modulari, ideali anche per attività ricreative o da fare in gruppo”.

Di seguito il link di approfondimento: 

http://www.indire.it/2019/01/31/indire-partner-scientifico-del-nuovo-progetto-per-la-didattica-differenziata-di-di/?fbclid=IwAR1ceG_QNeHncsmSlBiZGZHM-Rd2HTfoYVD4lWZ7Td9V7piUWIuUU9YuvDc

 

Alimentazione, zucchero e lettura etichette

I ragazzi della 3C  della nostra Scuola Secondaria di Primo Grado, in occasione del convegno dal titolo ” Informazione e prevenzione: armi essenziali nella lotta contro il diabete”, hanno illustrato al pubblico l’attività pomeridiana di scienze svolta con il prof. Moscoloni. Partendo dalla visione del docufilm “Super Size Me”, riguardante le conseguenze di un’alimentazione “da fast food”, gli studenti hanno imparato a leggere le etichette di cibi e bevande e, riconosciute, quindi, le relative caratteristiche, hanno realizzato un cartellone; calcolando il contenuto di zucchero di un litro di alcune bevande comunemente consumate a scuola o a casa, i ragazzi hanno disegnato il corrispondente istogramma e pesato e imbustato l’equivalente di zucchero bianco per ogni prodotto.

Il risultato? Con sorpresa, ma forse neanche troppa, gli studenti hanno scoperto che con una delle loro bevande preferite si bevono…   ben 5 bustine di zucchero per ogni brick!

Di seguito il link che riassume il loro interessantissimo lavoro!

Alimentazione, zucchero e lettura etichette